STAVOLTA MI TOCCA

Avrei un sacco di argomenti freschi e sfiziosi con cui intrattenervi ma proprio non riesco a pubblicare niente in questi giorni.

Vorrei condividere questa esperienza personale nella speranza che mettendo i miei timori neri su bianco, abbia la giusta distanza per accettare la situazione.

Due anni fa, dopo essere andata dal medico un paio di volte per “strane” tendiniti, mi sono state fatte analisi approfondite da cui è emerso che avevo gli anticorpi alti per l’artrite reumatoide.

Sono stata da uno specialista che mi ha invitata a ripresentarmi qualora avessi avuto altri episodi acuti.

Devo ammettere che in questo lasso di tempo qualche dolore l’ho avuto ma con un po’ di pazienza e molti metodi naturali sono riuscita a superarlo.

Dal 23 ottobre però non c’è stato giorno in cui non abbia avuto male da qualche parte. Dita, mani, polsi, braccia, piedi, caviglie e da ultimo anche le ginocchia.

Ho pazientato qualche settimana prima di rivolgermi al mio dottore che mi ha consigliato degli antinfiammatori.

Per me erano già veleno allo stato puro, vista la mia riluttanza alle cure “chimiche” ma quando ti svegli nel cuore della notte con dei dolori che ti fanno impazzire, devi pur scendere a qualche compromesso.

Ovviamente nemmeno questi sono stati utili, così ho deciso di prendere appuntamento dal reumatologo. Mi ha concesso di tentare ancora un mese con antinfiammatori  specifici per l’artrite reumatoide, consigliandomi però di iniziare una cura più forte.

Già così mi sembrava di prendere schifezze con molti effetti collaterali che per fortuna nel mio caso non si sono presentati.

Lunedì dopo un mese dalla visita purtroppo mi ha tolto ogni speranza. DEVO passare alle iniezioni di Metotrexane.

Per me è stato come tirarmi un pugno nello stomaco!!! So benissimo che ci sono malattie peggiori di questa e cure ancor più toste.. Ma per me è come precipitare in un burrone.

Sapere di dover assumere sostanze usate in oncologia con possibili gravi effetti collaterali e per giunta a scadenza settimanale per almeno un anno.. Mi ha mandata in tilt totale.

Sarò paranoica e mentre tutti mi rassicurano che se la cura funzionerà potrò riavere una vita attiva e senza dolore, io mi sento come una condannata al patibolo.

Da ottobre ho lasciato a metà un sacco di lavori in casa, faccio fatica a camminare ed ho dovuto sospendere le lunghe passeggiate e le mie lezioni di Zumba.

Vedere la casa trascurata per una casalinga è difficile, i panni da lavare si stratificano in attesa del “giorno buono” così come l’operazione stiro.

Non posso scolare la pasta perche mi fanno male i polsi, non riesco ad aprire una bottiglia d’acqua, faccio fatica anche a vestirmi e mi sono ridotta ad usare scarpe-pantofole (tipo huggs) perché altrimenti ogni passo è una tortura.

È difficile da credere, eppure la nostra resilienza è altissima, ci si abitua a tutto fino a farlo diventare la normalità. L’unico problema è che se l’artrite non viene curata, inizia ad intaccare e rovinare le articolazioni. Questo è l’unico motivo per cui, seppure a malincuore, mi sono arresa alla cura.

Domani mattina inizierò con la prima iniezione. Sono talmente spaventata che sicuramente avrò tutti gli effetti collaterali, anzi, pensandoci bene..già me li sento ora.

Tenetemi i pugni se potete!!!

Prometto che nei prossimi post parlerò di tante cose futili come ho sempre fatto.

41 pensieri su “STAVOLTA MI TOCCA

  1. Io ti tengo i pugni e ti abbraccio tutta! Per il mio collo a me volevano dare la morfina! E studiarmi per come faccio a sopportare dei dolori così forti…..Invece prendo integratori,faccio fisioterapia anche in acqua e agopuntura.Il dolore non va proprio via del tutto,ma riesco a lavorare,sia a scuola che in azienda agricola,a fare i miei sport e giocare col mio branco.Devi trovare un medico bravo perché in troppi tendono a mollare farmaci come caramelle! Che tolgono il dolore ma lasciano il malanno.Fammi sapere 😘

    Piace a 1 persona

    • Grazie. Sto tuttora facendo sedute di agopuntura e chiropratica e prendo ribes Nigrum . Se fosse solo per il dolore mi accontenterei degli antinfiammatori, il problema è che la malattia se non curata deteriora le articolazioni portando all’invalidità.
      Speriamo in bene.
      Un abbraccio!

      "Mi piace"

    • Ah ah!! Farò la brava!! Già il dottore pensa che sia una pazza furiosa, magari dubita che gli possa tirare qualche calcio…
      Grazie Cara Mistral, a presto per le cose più futili che si possano immaginare.
      Ci vorrà una ventata di sana allegria!!!

      Piace a 1 persona

  2. eddai thelma! mannaggia…. purtroppo son cose che esistono… ma non ti piegheranno! tu sei la mia socia!!!!!!!
    e allora però se permetti, invece di tenerti i pugni… io it abbraccio…
    solo che in questi gg sto tanto incasinata con il lavoro eccetera e non riesco sempre a leggere… poi però recuperooo!

    Piace a 1 persona

  3. Hello, Tiziana!
    So sad to hear about your health problem and what a coincidence as my father-in-law has the same problem in both of his knees. We have an appointment with a rheumatologist next week in order to discuss about these injections. I think that we are talking about the same therapy… my husband and I are searching about this lately… All my wishes for fast recovery and better days !!! My hugs and kisses… Joanna

    Piace a 1 persona

    • Hi dear Joanna,
      Thank you so much for your kind words and wishes.
      It’s a long cure and I have to wait at least 4-6 weeks to see a major improvement. I already did the first injection and tomorrow, if the blood test will be good, I’ll do the second.
      I try to be optimistic and wish also to your father in law to improve soon.

      A big hug to you 🙅

      Piace a 1 persona

    • Cara Daniela,
      Grazie di cuore per il sostegno.
      Sono fortunata ad avere amici (sia reali che “virtuali”) che fanno il tifo per me.
      Penso a quelle persone che ricevono una diagnosi simile alla mia e non hanno nessuno con cui condividere le loro ansie. I medici ti elencano le possibili cure con gli annessi effetti collaterali poi spetta a te elaborare il tutto e prendere la decisione. Spero che questo articolo (che ero indecisa se pubblicare o meno) possa servire da piccola rete a chiunque si senta mancare il terreno sotto ai piedi.

      Un abbraccio a te.
      😘 Tiziana

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...