FERMA AL PALO

Vi sembrerà un titolo inconsueto e strano ma nulla poteva descrivere meglio la mia sensazione in questi giorni.

Normalmente quando mi sento così non pubblico niente ma ho pensato che in fondo descrivere questa immobilità poteva diventare un tema di conversazione, si, perché la cosa che amo di più del mio blog è la possibilità di confrontarmi con voi.

Vi capitano quei giorni trascinati in attesa che arrivi sera? Quei giorni dove uno strano malessere sembra prendere possesso del vostro corpo e della vostra mente?

Quei giorni dove vi sembra di non sapere più da che parte andare, vorreste dormire ma uno strano tremolio vi impedisce di farlo?

Quei giorni in cui avete mille cose da fare è proprio per questo non fate niente?

Ecco! Io mi sento così!

FERMA AL PALO IN ATTESA DI VENTI MIGLIORI!!!

Visto che ho utilizzato l’immagine di un gabbiano non poteva mancare un aforisma di Richard Bach preso da “il gabbiano Jonathan Livingston”.

Ho scelto un filtro bianco e nero ed ho aggiunto delle luci ad una foto scattata ad Ascona, che ve ne pare?

Buon fine settimana dalla vostra gabbianella monca.

COLORI!!!

Non so voi ma queste giornate post festività hanno su di me un effetto soporifero! Le batterie sono in modalità riserva e la nebbia grigiastra sembra riflettersi sugli oggetti, sulla pelle e pure nella testa. Forse ho un po’ esagerato? Sicuramente basterà che il sole faccia capolino per vedere il mondo a colori.

Nel frattempo però qualche piccolo accorgimento può aiutare a riportare allegria e luce anche nelle giornate più buie.

Come forse già saprete Polyvore per me è un luogo magico, idealmente è come se aprissi un armadio infinito e togliessi tutto quello che mi piace. Ho creato il set di apertura con capi colorati ed energetici per soddisfare la mia voglia di colore.

Ogni inverno aspetto con ansia che i tulipani facciano la loro comparsa nei negozi e ieri finalmente sono riuscita a comprare il primo mazzo dell’anno.

Li ho fotografati con due dei miei bicchieri “arcobaleno” che terrò da parte per le grandi occasioni o per l’arrivo degli ospiti. Ultimamente eravamo proprio malridotti, non ce n’erano in casa più di tre- quattro uguali. Così ne ho comprati otto in quattro differenti colori che vanno dal giallo al grigio scuro.

Sappiate che sto preparando un articolo sui colori Pantone per il 2018 e vi anticipo che il prescelto è il viola (ultra violet per la precisione).

State connesse.. ne vedrete di tutti i colori 😉

AUGURI A TUTTE LE MAMME

Per la festa della Mamma stavo cercando immagini “royalty free” a cui aggiungere degli aforismi ma visto che non ne ho trovata nessuna che mi piacesse ho pensato di rispolverarne una personale.

Rispolverare non è detto a caso, sono passati davvero molti anni!

Eccomi qui piccolissima in braccio a mia mamma…


… e poco tempo fa quando ci siamo fatte un selfie come due vere native digitali!

Penso che nella vita non si smetta mai di essere figli, malgrado le paturnie dell’adolescenza, a dispetto dei caratteri diversi che a volte si scontrano e del fatto di sentirsi dire la verità senza filtri anche quando fa male.
È nel momento in cui si  diventa genitori che si capisce realmente cosa significhi stare dall’altra parte della barricata. Quando sei tu che devi dettare le regole e a volte riascoltando la tua voce e le tue parole rivivi la sensazione di insofferenza che ti davano quando a dirle era tua madre.

Capisci quanta fatica ci sia nei “no” che servono ad educare.
Ecco alcuni esempi di frasi sulle mamme che vorrei condividere con voi.

Tu sei la sola al mondo che sa, del mio cuore, ciò che è stato sempre, prima d’ogni altro amore.

(Pier Paolo Pasolini,”Supplica a Mia Madre”)

Una mamma che solleva il bambino e lo porta all’altezza dei suoi occhi. Oggi l’universo non ha altra prospettiva, altro asse, altro centro che questo

(Fabrizio Caramagna)



Auguro a mia mamma e a tutte le mamme del mondo una felice festa!

BUON WEEKEND

_____________________________________________________________________________
A volte sono talmente concentrata nella ricerca di nuovi argomenti che mi scordo delle cose semplici come augurarvi un buon fine settimana.
Lo faccio con questo look creato in Polyvore che sembra racchiudere la tenerezza della primavera….
img_2615
…e con questa immagine: un caffè per l’energia, un biscotto per addolcire la giornata, rametti di salice che fanno primavera e una rivista per scovare nuovi trends.
Che il vostro weekend sia pieno di spensieratezza, gioia e fantasia.
Un abbraccio Tiziana ❤️

UOVA DI PASQUA

 

Ho dei bellissimi ricordi legati alla Pasqua della mia infanzia, i miei genitori nascondevano il nido con conigli di cioccolata e ovetti colorati nel giardino ed ancora mezzo assonnati partivamo alla ricerca del “tesoro”, proprio per questo motivo quando i ragazzi erano piccoli questa tradizione non è mai mancata. Ricordo che un anno avevamo comprato un serpentone verde di peluche e l’avevamo arrotolato sui rami del melo e la sorpresa di mio figlio mi ha fatto ricordare i miei anni spensierati.

Lo scorso anno ho fatto un articolo sulle decorazioni pasquali, se vi interessa le potete trovare QUI  così per non fare un doppione mi concentrerò sulle uova.

 

 

 

Sono in ritardo sulla tabella di marcia poiché mi sono arenata con la decorazione delle uova. Le ho svuotate praticando un buco agli estremi e con una cannuccia ho soffiato ( rischiando di andare in iper ventilazione perché i fori erano piccoli) finché tutto il liquido è uscito e poi per pulirli, sempre con la cannuccia, ho “spruzzato” dell’acqua fin quando usciva limpida.

Pensavo di cavarmela con una sola mano di pittura ma ho dovuto passarne due ed il risultato non era ancora soddifacente .. forse avrei fatto prima a comperare quelle di plastica ma volete mettere la soddisfazione del vero “faidate”?

Il risultato è questo ed ho ultilizzato un vero nido che ho trovato in giardino come contenitore. Non preoccupatevi, non era più utilizzato dagli uccellini essendo caduto a terra quando sono state potate le piante del giardino.

il risultato è questo:

IMG_2511

Il mio preferito è quello con la faccina è le orecchie da coniglio in fil di ferro.

In Pinterest ho trovato altre idee per la decorazione delle uova che condivido volentieri con voi.

Per cominciare gli ingredienti naturali per dipingerle..

bdc1a7d2fd70bc53abcd327a32862049

I più originali: in tema “emoticon”…

 

..e nel vaso come un vero cactus.

 

ea6f6784e0ee2c8a4ee18179a577c9a1

I più teneri a con orecchie da coniglietto, sia in cartone che con il fil di ferro..

 

Moderni con caratteri tipografici ed in versione Hypster

 

 

 

 

Adatti ai più piccoli a mo’ di Minions e preziosi in oro e azzurro per le fashioniste.

 

Per concludere un’idea carina per cambiare faccia alle solite uova ripiene., la novità sta nell’intingere gli albumi svuotati nel colore alimentare, Io se dovessi farlo sceglierei un unica tinta magari in nuance con la tavola delle Feste.

Io le cucino facendole rassodare, le taglio a metà per il lungo e svuoto i tuorli raccogliendoli che raccolgo in una ciotola. Aggiungo del tonno sgocciolato e della mayonnaise formando una crema che rimetto negli albumi.

 

b7b0e0dd45e11ebc9859f6e02050d7ea

 

Voi avete già preparato le decorazioni? Che stile avete scelto?

Nell’attesa colgo l’occasione per augurarvi una

BUONA PASQUA!!!

 

 

58133e00a6770a9ad3571ab2c36ac1f9

 

Con affetto Tiziana ❤

BENVENUTA PRIMAVERA

Da lunedì siamo entrati a tutti gli effetti nella stagione mite e romantica dell’anno con fioriture, passeggiate all’aria aperta e colori tenui.

I giorni precedenti lasciavano presagire temperature gradevoli e durante una delle passeggiate domenicali ho scattato un sacco di foto. Ne ho trasformata una sovrapponendoci la fioritura della mia camelia in perfetto “mood” primaverile.

Presa dall’euforia ho anche pensato di mettere a riposo i giacconi pesanti per sostituirli con spolverini e giacche leggere, già mi vedevo senza piumoni,sciarpone e colori scuri…

Purtroppo l’inizio delle tanto sospirate precipitazioni hanno fatto precipitare i gradi. 

Abbiamo un sistema di riscaldamento a termopompa con una sonda esterna che sembra vivere di vita propria. Suppongo che ringalluzzita dai venti gradi dell’inizio settimana si sia lasciata andare pensando di poter finalmente entrare nel letargo delle sonde, felice di aver fatto il suo lavoro dall’autunno fin qui.

Eh no mia cara!!!! Qui in casa si gela!!!! 

Per fortuna mi sono ricordata del caminetto!  

Abbiamo smantellato le altalene in giardino recuperando la struttura che ci ha fornito un sacco di legna, i ragazzi si sono divertiti a tagliarla ma ovviamente è stata lasciata sotto il terrazzo invece che nella legnaia. Proprio qualche giorno fa mio marito mi aveva detto che secondo lui andava buttata perché negli ultimi anni abbiamo usato pochissimo il caminetto.  Per fortuna la proverbiale pigrizia dei miei uomini di casa per una volta è stata utile: non ho nemmeno dovuto attraversare il giardino per rifornirmi di legna.

 Ho acceso il caminetto ricapultandomi in piena atmosfera HYGGE con una tazza di ginseng e dei calzini caldi e comodi.

Ecco… BENVENUTA PRIMAVERA… ma quando arriverà?????
Un abbraccio Tiziana ❤️

CALICANTO

In un angolo discosto del giardino c’è una pianta di calicanto, è facile dimenticarsi della sua presenza che si nota solo avvicinandosi e sentendo nell’aria l’inebriante profumo dei fiori gialli, quasi una promessa della primavera che arriverà.

Oggi me ne sono ricordata e sono uscita a prendere alcuni rami per portarli in casa, mi piace avere dei fiori in ogni stagione e raramente devo comprarli perché c’è sempre qualcosa in giardino anche durante le stagioni fredde. 

Il modo disordinato in cui crescono i fiori sui rami secchi non lo rendono tra le piante più belle ma guardando ogni singolo dettaglio si può scoprire una composizione geometrica e particolare.


Ho trovato una poesia sul calicanto di un poeta barese.

IL CALICANTO


Come potrò dimenticare l’odore

del calicanto nelle notti di febbraio,

la volatile gioia d’acuta verdezza

traboccante nel buio della strada deserta.

S’udiva l’amata respirare ansiosa

per sentire il fiore clemente di là dal giardino;

sì fonda tenerezza riempiva il fiato

che il petto aveva un affanno di felicità.

Guardavamo il cielo lontano,

i firmamenti ghiacciati di luce;

là era la culla dei venti forti,

nudo splendeva in seno a Sirio il raggio.

Ma in noi era solo un sentire

nei vivi desii l’aroma terreno

che aveva toccato, scendendo nel petto,

il fondo dei nostri amorosi sospiri.

LUIGI FALLACARA

Questo arbusto mi sembra la metafora della felicità, anche nel freddo inverno possiamo trovare una promessa di rinascita, basta guardarsi in giro con la voglia di scoprire la bellezza che ci circonda e ricordarsi che a volte non è il “quadro completo” a dare il meglio di se ma un semplice, piccolo dettaglio…
Vi auguro una felice settimana.

❤ Tiziana

NOVEMBRE

Novembre è uno dei mesi meno amati dell’anno, le giornate che si accorciano, i cieli non più tersi e quella malinconia che sembra avvolgerci insieme alla nebbia… È come una terra di mezzo tra i colori di ottobre e le luci che che splenderanno per le festività dicembrine…
Il mio augurio è che questo mese possa sorprendervi con momenti di felicità e imperdibili sorprese. 

Sono certa che tenendo gli occhi ed il cuore aperto, potremo trovare un inaspettato fascino anche in questo periodo.

Un grande abbraccio!
Tiziana ❤️

BUON WEEKEND

Questa settimana avrei voluto scrivere qualche articolo interessante ma mi sono concentrata su alcune app per modificare le immagini investendoci un sacco di tempo.

È incredibile quante modifiche si possano fare: delle foto semplici possono diventare delle vere e proprie opere d’arte… Basta avere pazienza e procedere a tentativi.

Vi lascio alcuni lavori sperando vi piacciano.. Mi divertiva l’idea di trasformare zucche e foglie dando loro risalto!


 

Auguro a tutti un sereno fine settimana!

Tiziana ❤️

 

 

AUTUNNO

Bentornato autunno ed un felice fine settimana a tutti!


Da qualche giorno ho la fissa di trasformare le immagini che riprendo con il mio smartphone. Lo rimpallo da un app all’altra finché mi sembra di aver ottenuto un buon risultato.

È incredibile quanto un semplice acino d’uva o un fiore di ortensia possano diventare delle piccole opere d’arte.

Buon weekend!!!

❤️ Tiziana