JAPANDI

I paesi del nord Europa ed il Giappone non sono mai stati così vicini, ad unirli un nuovo stile che mixa il minimalismo con poche concessioni cromatiche scandinavo allo stile WABI SABI con tinte più scure e materiali grezzi della filosofia nipponica. Il risultato è affascinante ed è una delle tendenze più in auge per quanto riguarda l’arredamento.

Come sempre preferisco parlare per immagini ed ho creato tre tabelle con oggetti per la casa

Continua a leggere “JAPANDI”

COLLEZIONE SOMMAR 2019 DA IKEA

Sommar in svedese significa estate e mi rendo conto di essere un po’ in anticipo ma di colori ne abbiamo bisogno tutto l’anno, soprattutto in questa primavera grigia che non si decide a mostrare il suo lato luminoso.

Continua a leggere “COLLEZIONE SOMMAR 2019 DA IKEA”

DECORAZIONI PASQUALI MINIMAL

La Pasqua si sta avvicinando e mi è venuta voglia di creare qualcosa con le mie mani, era da un po’ che non lo facevo e devo dire che mi sono divertita. Ho avuto la fortuna di trovare tutto il materiale nel mio armadio delle “meraviglie” pieno di oggetti per il bricolage.

Continua a leggere “DECORAZIONI PASQUALI MINIMAL”

PARTY IN GIARDINO

Forse qualcuno di voi si sarà accorto che tutti i set di Polyvore che avevo postato sul blog sono scomparsi lasciando uno spazio bianco. Sono corsa ai ripari sostituendoli con le immagini che ho potuto scaricare ma il lavoro non è stato facile perché non c’erano più i titoli ed erano in ordine sparso. Dopo essere andata a ritroso di due anni per il momento ne ho abbastanza e per questo motivo ho raggruppato alcuni set riguardanti le cene all’ esterno in questo post.
Che sia un Party , una cena tra amici o semplicemente un pranzo in famiglia, apparecchiare la tavola in modo accurato è un regalo che facciamo anzitutto a noi stessi.

La tavola è come una tela dipinta che ci insegna che “oggi” è una volta sola. L’immagine dipinta svanisce alla fine della giornata, ma il suo ricordo resta scolpito nella mente delle persone che erano sedute al nostro stesso tavola. È qualcosa che i soldi non possono comprare, e che resta proprio in quanto svanisce. Costruire sapendo che scomparirà: come per i mandala di sabbia tibetani. Banana Yoshimoto



I materiali naturali sono perfetti per le cene all’aperto, perché il legno, il bambù e piccole piantine segnaposto sembra facciano parte integrante dell’ambiente.


Per sentirsi in vacanza anche a casa propria il tema tropicale coi colori vivaci e le fantasie floreali.


Per una serata chic, il corallo abbinato al bianco con rappresentazioni marine.


Il tema estivo del bianco e blu richiama le vacanze (soprattutto le isole greche) .


Femminile con fiori e piatti sui toni del rosa, sarebbe l’ideale per una cena tra amiche tra chiacchiere, risate e confidenze.


Estivo con colori freschi per quando il caldo si fa sentire.

Purtroppo non posso più risalire agli elementi che ho usato per comporre questi set ma sono certa che troverete qualcosa di simile in ogni negozio.

Non dimenticate l’ospitalità; alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo.Paolo di Tarso, Lettera agli Ebrei, Nuovo Testamento, ca. 50-6

Concludo con il bianco totale che mi piacerebbe realizzare da tanto tempo e chissà che questo sia l’anno giusto per farlo?

Da Pinterest https://pin.it/nbkdtu2dgan6ed

Da Pinterest https://pin.it/napn24rxuxcr7m


Voi quale stile preferite? Vi piace decorare la tavola? Avete qualche suggerimento da darmi?

COLORI PASTELLO PER LA CASA DI PRIMAVERA

La primavera in realtà la stiamo ancora aspettando (almeno qui in Ticino) ma utilizzare i colori pastello tipici di questa stagione per fare qualche piccolo cambiamento nella nostra casa può far bene al morale.

Prima che Polyvore chiudesse i battenti avevo preparato qualche set su questo tema. Purtroppo non posso più sapere la provenienza degli oggetti che ho utilizzato in quanto mi sono rimaste solo le immagini senza dettagli, spero possiate “gustarveli” così, semplicemente come composizioni estetiche.





A volte basta poco per sentire la primavera: un plaid leggero, sostituire le fodere dei cuscini, una serie di piatti color pastello, dei semplici canovacci da lasciare in bella mostra, delle candele dai colori tenui…

https://www.ikea.com/ch/it/catalog/categories/departments/living_room/20528/

https://www.ikea.com/ch/it/catalog/categories/departments/living_room/10659/

https://www.ikea.com/ch/it/catalog/categories/departments/workspaces/10551/

https://www.ikea.com/ch/it/search/?query=Candele&pageNumber=1

 

https://www.ikea.com/ch/it/catalog/products/70318528/


Se proprio volete esagerare potete prendere spunto da questi ambienti con pareti colorate trovate da Ikea.

https://www.ikea.com/ch/it/ideas/201831_idip11a/


Immagini mie create in Polyvore

Complementi arredi da Ikea

Non mi resta che augurarvi un sereno e primaverile weekend.. indipendentemente dalla meteo 🙋‍♀️

acs_0012

SHOU SUGI BAN


Ecco alcuni set creati in Polyvore con degli elementi Shou-sugi-ban inseriti in tre ambienti diversi. Nell’arredamento così come nella moda, il nero si abbina praticamente a tutto, può essere usato in modo monocromatico per un risultato “drammatico”, inserito in un locale bianco per un effetto moderno o arricchito da accenni metallici che lo riscaldano e lo rendono più intimo.


Lo Shou-sugi-ban è un termine che letteralmente tradotto significa “assi di cedro bruciate”, anche se più che bruciato sarebbe meglio dire affumicato.

È un’antica tecnica giapponese ecologica, non tossica,e che rende il legno ignifugo, resistente ad intemperie e muffe e gli conferisce il tipico colore nero.

Questo caratteristico metodo è usato anche per pareti interne…

0b46954f3465aaea94ba301b967092ad

…ma sopratutto viene impiegato per rivestimenti esterni che risultano molto resistenti nel tempo ed hanno un’ottima insolazione termica.

Da qualche anno è tornato di moda soprattutto nell’architettura nordica che dà molta importanza all’ecologia.


Villa Meijendel situata nell’ominima riserva naturale in Olanda è rivestita completamente di legno

https://www.zwarthout.com/en/project/16/villa_barcelona.html

Villa S in Olanda

https://www.homedezign.net/villa-s-a-modern-design-covered-with-the-shou-sugi-ban-technique


Lo Shou-Sugi-ban può essere utilizzato accostato al legno chiaro per un effetto di forte impatto visivo.

Immagine da Pinterest

Da New York Times 2017/09/19o

Immagine da Pinterst


Personalmente amo moltissimo il nero ma non avrei mai pensato di trovarlo così bello impiegato in un rivestimento esterno, aggiungiamo il fatto che è ecologico e durevole nel tempo e quasi quasi potrei metterlo nella lista dei desideri della mia casetta immaginaria.

Voi che ne pensate?

Imimagine di copertina http://www.welke.nl/lookbook/rvanzandvoort/Inspirerend/Nieuwewoning/Houten-terras-bij-schuurwoning.1341762917

ROSA, ROSSO E CUORI

Questo vestito in tulle mi piaceva moltissimo ma non l’ho mai usato prima nei miei set perchè difficile da combinare.
Secondo me o si ha un fisico da urlo e nessun timore di metterlo in  mostra usandolo solo con la lingerie in vista, oppure lo si indossa con qualcosa che toglie la trasparenza.
 Qui l’ho abbinato ad una T-shirt che sdrammatizza l’effetto ma lo si può benissimo portare sopra un altro vestito e ancor meglio con un paio di jeans.

Il rosa nel trucco è capace di donare un tocco di freschezza e luminosità, basta saperlo dosare usando diverse sfumature.

Non poteva mancare un’apparecchiatura sulle stesse tonalità. Mi piace l’idea di una tovaglia bianca a pois neri che accoglie varie sfumature di rosa e..cuori a volontà.


Cosa ne pensate? Avete voglia anche voi di dare un tocco di femminilità alla vostra vita?

Non ho aggiunto idee fai da te per l’occasione ma se vi interessa, lo scorso anno avevo fatto un post sul tema, lo trovate QUI.
Buon san Valentino o, se preferite, buona giornata in pink. ❤️❤️❤️
acs_0012

IDEE REGALO 2017

Manca meno di un mese a Natale e come consuetudine, in Polyvore ho creato dei set con idee per i regali.
Ho deciso di classificarli per tema aggiungendo anche il pacchetto ideale.
Ogni oggetto è stato selezionato con un costo inferiore a 100 CHF.

BRILLATE RAGAZZE BRILLATE!!!!

A Natale non bisogna aver paura di esagerare, è il periodo migliore per vestire la casa a festa e comprare o regalare qualcosa che non passa inosservato.

Tre specchi: uno da appendere, uno piccolo da portare sempre con sé ed uno da scrivania con orecchie incorporate che strapperà un sorriso anche nelle giornate più buie.
Due vasi geometrici per ricordare di avere sempre fiori freschi in ogni stagione.
Per la bellezza: base minerale per rendere la pelle uniforme, rossetto Dior e glitter oro da applicare come non ci fosse un domani..
Un cuscino per sogni “glamour”, un salvadanaio a forma di cagnolino, la classica “boule de neige”, una tazza ed una candela a forma di cuore.
L’agenda con glitter “stella della neve” servirà a fermare su carta i pensieri ed il quadro con la scritta “insieme brilliamo” sarà un gradito ricordo per chi la riceverà.


Gift Wrapping in white and gold


BLACK AND WHITE.

Il bianco e nero rende elegante ogni cosa, si abbina a tutto ed è sempre chic.

Dall’alto a sinistra in senso orario:
Cipria in polvere riflettente di Nars, tutto per gli occhi di Bobby Brown, sciarpa a quadri e trusse per il trucco con scritta“Dentro: la mia faccia”.
Due candele speciali, una a forma di gatto e l’altra con la scritta “attualmente sono una sirena” ah ah bisogna pur aggiunger qualcosa di divertente no?
Scarpe con finta pelliccia che secondo me sono perfette anche come pantofole.
The verde e tazze con gatti. Saliera e pepiera con visi arricchiranno la tavola dele feste e sicuramente richiameranno l’attenzione.
Il cuscino con la scritta “mangia-prega-ama” del famoso film con Julia Roberts qui è  parafrasata in “mangia-dormi-leggi”.
Per non sentire il freddo e proteggere le mani i guanti in pelle nera sono perfetti e per finire un plaid con disegni geometrici e nappe agli angoli.


http://trendenser.se/2012/november/julklappsverkstad-och-inslagningstips.html


NATURALE E MINIMAL.

Le linee pulite, i pochi colori e lo stile naturale sono la mia passione e non mi stanco mai di cercare nuovi oggetti che richiamano i paesi scandinavi.

Dall’alto a sinistra in senso orario:

Tre ciotole da aperitivo unite al centro, ciotola a forma di origami, tagliere in marmo e legno che può essere usato per presentare stuzzichini, salamini & co.

Vassoio in bambù e una coperta in cui avvolgersi.

Un tagliere a forma di etichetta sempre con la combinazione marmo-legno, cuscino con pini silizzati e piattini in legno.

Tazza con riccio, candela profumata, posate per insalata che richiamano i rami e saliera e pepiera.



http://www.womansday.com/home/crafts-projects/how-to/gmp394/christmas-gift-wrapping-ideas/


DIVERTENTE E COLORATO.

Dedicato a chi non si prende troppo sul serio ed ha mantenuto l’aspetto giocoso dell’infanzia.

Dall’alto a sinistra in senso orario:
Imbuto Alessi col viso di Pinocchio, piccolo vassoio con la scritta “Le sirene si divertono di più” (e chi non vorrebbe essere una sirena?) guanti rosa e rossi.
La custodia per IPhone a forma di mano e calzini con bocche e spazzolini (forse per ricordae di lavarsi i denti?) sono di COUCOU SUZETTE un’artista che crea oggetti divertenti ed a volte molto sexy ( basti pensare che ha avuto un successo enorme con un anello a forma di seno) se avete un po’ di tempo vi consiglio di andare a sbirciare le sue creazioni che secondo me sono geniali!
Saliera e pepiera a forma di pastiglia, anello con scritta “FUN” che ricorda i palloncini di compleanno, tazza di Seletti un tantino orrida ( una mano sta cercando di tarpare le ali a un canarino).
Felpa rosa con la scritta “mi sono svegliata così”, come quelle che postano su Instagram le foto appena sveglie e già truccate e pettinate. E noi ci crediamo? ah ah…
 Due maschere di bellezza, borsa da toilette “diponibile per il weekend”, ricamo con arcobaleno sempre di Coucou Suzette e tazza con panda sul fondo.

 0f74704a36b9140aec335b9ad39d6fbe
at_si=5a1eb0f55bb5cb8f&at_ab=per-2&at_pos=0&at_tot=4

 Avrei potuto continuare all’infinito ma mi rendo conto che già così non scherzo ed onde evitare di diventare noiosa mi fermo qui.
Spero almeno di avervi dato qualche idea originale.
Voi avete già pensato ai regali? a che punto siete con le decorazioni?
Come sempre vi ricordo che se siete interessati a quanto contenuto nel set potete seguire il link che vi porterà direttamente in Polyvore, da lì bastera andare col cursore sull’oggetto desiderato e cliccando verrete rimandati al sito.
❤ Tiziana
Credits: immagine copertina: GROVING SPACES

SURVIVOR KIT FOR HYGGERS

BUON WEEKEND

Riparate la ruota del mondo! Perché deve continuamente girare? Dove si trova la retromarcia?

(Jack London)

Domenica scorsa guardando l’agenda, ho pensato che tranne i primi due giorni, avrei avuto un po’ di tempo libero.

Avevo messo in previsione un articolo del blog, due contest da preparare in Polyvore più qualche foto da scattare per Instagram.

L’ispirazione c’era tutta perché la fine del caldo afoso mi ha ricaricata consentendomi di riappropriarmi di qualche neurone che credevo irrimediabilmente evaporato verso qualche nuvola.

È necessario puntualizzare che non sono riuscita a fare niente? Perché proprio quando avevo la lavanderia zeppa di panni la lavatrice ha dato forfait?

Doveva essere qualche congiunzione astrale sfavorevole, forse la luna piena oppure la caduta delle temperature, i tecnici che normalmente impiegano un giorno per arrivare mi hanno fatto sospirare anche una misera chiamata di conferma, lasciandomi in balia della massa zozza che sembrava vivere di vita propria!!!

La telefonista mi ha pure dato qualche speranza, dopo avermi chiesto il codice di errore mi ha rassicurata dicendo che per il 90% dei casi sarebbe stato sufficiente “sfiatare un tubicino” e “pulire il filtro”.

Gia, più facile a dirsi che a farsi, dopo aver sbloccato il filtro con tanto di pinza ( abbiamo preso in considerazione pure l’idea di ricorrere al piede di porco..) l’unico risultato è stato quello di allagare mezza cantina col rischio di far marcire la montagna in attesa di lavaggio.

Se non fosse venuta in mio soccorso una cara amica (grazie Silvi ❤️) penso che i panni si sarebbero trasformati in un enorme mostro in grado di mangiarmi!

Oggi finalmente è arrivato il tecnico che già leggendo il codice ha asserito che si trattava del motore!

Ma come? Non era sufficiente spurgare, svitare e allagare? Eh no! Proprio no! Il costo della riparazione era talmente alto da farmi optare per una nuova lavatrice.

Almeno ho scoperto che la “bestia” aveva già 11anni. UNDICI??????? Ma quanto in fretta passa il tempo?????

Alla fine però sono riuscita ad augurarvi un felice weekend ❤️

A PRESTO!!!!!!

Tiziana ❤️

THE NEW RAW DESIGN

*
Ho scoperto questo trend grazie a Mapi del blog BLUDICHINA che ringrazio per l’ispirazione, modera con me un gruppo di POLYVORE  e questo è stato il tema di un nostro recente “contest”. I tre set che trovate sopra li ho creati aggiungendo la mia  personale interpretazione  cosa ne pensate?
the-blogazine-201307-recycle-wood-furniture-2the-blogazine-201307-recycle-wood-furniture-3
RAWtradotto letteralmente dall’inglese significa crudo o GREZZO, i materiali sono semplici ed in alcuni elementi è chiaramente visibile l’origine (come nel tavolo sopra).
Secondo il mio parere è un mix di diverse correnti: lo stile minimal scandinavoper l’essenzialità, un tocco bohemian chic dato dall’assemblaggio quasi casuale, qualche richiamo industrialeper il recupero di materiali, un aspetto rusticoa cui aggiungerei un pizzico di Shabby per la patina lasciata dal tempo.

Marie-Olsson-Nylander-7-750x1006Marie-Olsson-Nylander-11-750x1000

http://trendland.com/interior-stylist-marie-olsson-nylanders-home-in-sweden/

In questo stile il grezzodiventa protagonista ed ispira creazioni dal sapore poetico.I muri ed i pavimenti sono lasciati allo stato originario con mattoni a vista,assi in legno o addiritura con la sola presenza del cemento senza ulteriori aggiunte.

8624436066_e88a786261_o8624436454_abbf41be22_o8624436372_16f266f337_o

https://homeadore.com/2016/07/26/studio-manolo-yllera/

I complementi di arredo sono semplici, a volte recuperatida oggetti vecchi e trasformati in pezzi di design. Questa è una grande tendenza del momento perchè come per l’abbigliamento anche nell’ arredamento, l’eccessivo consumismo produce una quantità enorme di rifiuti e serve una risposta ecologica che possa riutilizzare materiali di scarto.

A tal proposito vi segnalo una trasmissione in onda sul canale francese M6 dove due squadre di arredatori si sfidano per esaudure i desideri in fatto di arredamento di una coppia avendo a disposizione una benna piena di oggetti buttati in discarica e solo 150 Euro per nuovi acquisti.

REDESIGN SAUVONS LES MEUBLEShttp://www.6play.fr/redesign-sauvons-les-meubles–p_6718

Una sfida che può sembrare impossibile ma che si concretizza aprendo la mente e guardando più in la rispetto all’oggetto scartato, immaginandolo in una veste nuova. I risultati sono incredibili!!

Questa presentazione richiede JavaScript.

Immagini trovate sul sito ALCAROL.COM http://www.alcarol.com/

L’utilizzo di materiali naturaliè il punto forte di queste creazioni che nei tavoli ripropongono la matericitàdel legno con la sola aggiunta di una resina che li rende pratici ed utilizzabili, mentre nelle due sedie l’essenza della natura è stata fermata in un preciso istante ed è così che un tronco di legno con dei funghi e delle rocce con licheni  inglobate in una resina, danno l’idea di eternità.

axel-vervoordt-greenwich-hotel-penthouse-photos.sw_.19.ss15-greenwich-hotelaxel-vervoordt-greenwich-hotel-penthouse-photos.sw_.20.ss16-greenwich-hotelclipboard6-tile

http://www.lespetitespestes.com/blog/2015/6/16/interior-inspiration-axel-vervoordt-for-greenwich-hotel

La Penthouse del TriBeCa Greenwich hotel dei patrners Ira Drukier e Robert De Niroè un esempio di questo stile, nelle immagini potete vedere quanto calore possa dare il recupero del legno, qui sembra di stare nell’accogliente casa della nonna piuttosto che in un anonimo albergo. Il designer belga Axel Veroordt ne ha curato la realizzazione in perfetta sinergia con l’architetto giapponese Tatsuro Miki, il risultato è incredibile.

 

“The 20th Century was a period of making, using, and throwing away and making again. This has been very important for the growing economy but today there is no room anymore to throw away and there are not enough forests to destroy for new wood.”

Axel Vervoordt

Il curatore Axel Vervoordt descrive così bene il ventesimo secolo del consumismo: È stato un periodo del fare, usare, buttar via e fare di nuovo. È stato molto importante per la crescita dell’economia ma oggi non ci sono più camere da buttar via e nemmeno foreste da distruggere per aver nuova legna.

We want to express a TriBeCa character in the most humble way. Because the architecture is so simple, it belongs as much to the past as to the future.

Axel Vervoordt

Voglio esprimere uno stile TriBeCA nel modo più umile perchè l’architettura è così semplice, appartiene al passato tanto quanto al futuro.

Mi piace molto questa filosofia ed il fatto che per gli arredi si siano rivolti agli artigiani del luogo riscoprendo e valorizzando così professioni sempre più rare che rischierebbero di estinguersi.

Questo argomento mi tocca particolarmente perchè mio papa era cesellatore oltre che artista e so quanta fatica abbia fatto per stare a galla in un periodo di pieno consumismo. I suoi lavori forse verranno apprezzati in futuro, quando la sensibilità della gente sul tema fatto a mano e su misura aumenterà, peccato che non potrà goderne i frutti.

Prometto che prossimamente farò un articolo su di lui, per ora, malgrado sia passato un anno dala sua perdita, non mi sento ancora pronta.

Sperando di avervi proposto un tema interessante sarei curiosa di conoscere la vostra opinione sul tema.

Tiziana ❤